Novità e innovazione

Pratiche di anestesia regionale – Approfondimenti da un’indagine europea condotta da BD con ESRA, la Società europea di anestesia regionale e terapia del dolore

Dicembre 6, 2021

BD, un’azienda impegnata nell’“Advancing the world of health™”, compie sforzi mirati a fornire soluzioni in grado di potenziare i risultati, ridurre i costi, aumentare l’efficienza, migliorare la sicurezza e ampliare l’accesso all’assistenza sanitaria.  Nel campo dell’anestesia regionale, BD è un noto produttore di aghi e kit spinali, cateteri e kit epidurali e siringhe

BD collabora con un gruppo di esperti europei per migliorare la pratica dell’anestesia regionale e la sicurezza del paziente. L’obiettivo consiste nel collaborare con gli esperti per comprendere meglio le implicazioni potenzialmente letali dei collegamenti errati dei dispositivi neuroassiali, che hanno portato all’introduzione degli standard NRFit®.

L’indagine è stata condotta per comprendere come avviene la pratica dell’anestesia regionale a livello europeo.

Introduzione e demografia

Questo sondaggio è stato progettato da un gruppo di esperti sponsorizzato da BD; è stato avviato il 26aprile 2021 e diffuso principalmente attraverso la Società europea di anestesia regionale e terapia del dolore (ESRA).  Il sondaggio ha coinvolto 987 partecipanti, di cui l’80% proveniva da istituzioni diverse.  La maggior parte degli intervistati erano anestesisti (93,7%) e la maggioranza aveva più di 10 anni di esperienza (60%).  Il 65,9% degli intervistati proveniva dai maggiori paesi/regioni europei.

Pratica di anestesia regionale

Gli anestesisti sono stati identificati quasi esclusivamente (99%) tra coloro che conducono procedure di anestesia regionale (AR). Le procedure AR più comuni erano l’iniezione spinale singola (96%) e l’iniezione spinale singola nei blocchi nervosi periferici (PNB) (92%).  Il 92% degli intervistati utilizza la guida ecografica per i propri blocchi di AR.   Negli ultimi 5 anni c’è stato un significativo aumento medio, pari al 42%, nell’uso delle procedure di AR.

Sicurezza dei pazienti

Il tasso di insuccesso globale medio per il blocco di AR è stato del 5%.  La complicanza più segnalata sia nell’anestesia spinale (52%) che epidurale (33%), è il mal di testa, .  Per la PNB, i sintomi neurologici transitori (TNS) (16-14%) e le lesioni nervose (14-10%) sono i più comuni.  Le complicazioni sono sottosegnalate e solo il 38-59% viene sottoposto a monitoraggio di routine.

Il 38% degli intervistati conosceva la tecnologia NRFit®; di questi, solo il 27% l’ha implementata, mentre un ulteriore 44% ha intenzione di farlo nei prossimi 2 anni.  I principali ostacoli sono di natura economica (37%) oppure riguardano la complessità della gestione delle scorte (34%).

Conclusioni

In conclusione, negli ultimi anni l’uso delle procedure AR è aumentato significativamente in tutti gli interventi chirurgici e nella gestione del dolore, probabilmente a causa dei benefici percepiti in termini di maggiore riduzione del dolore, deambulazione post-chirurgica anticipata e riduzione delle complicanze e della durata della degenza.  Tuttavia, nonostante alcuni livelli elevati di complicanze, il monitoraggio di routine delle complicanze non viene effettuato sistematicamente in tutta Europa e quindi le cifre sono probabilmente sottostimate.  La consapevolezza del potenziale miglioramento della sicurezza offerto da NRFit® è limitata, anche se gli intervistati comprendono i benefici che potrebbe comportare, pur essendo consapevoli che le sfide finanziarie e di gestione delle scorte ne ostacolano l’introduzione.

Guarda il video della presentazione dei risultati del sondaggio:


Riferimenti

Approval number BD-46046